Avevo giurato a me stessa che non avrei più parlato di The Sims 4 sul mio blog. Dopo ben due articoli (che trovate qui e qui, entrambi in inglese, ma li trovate accorpati e tradotti sulle pagine di Game Industry) ho ancora una volta qualcosa da dire.

Esistevano già tre tipi diversi di espansione, ovvero:

  • Expansion Pack – I DLC più grandi, venduti al prezzo di 39.99€. Includono nuove meccaniche, oggetti e vestiario.
  • Game Pack – DLC intermedi al prezzo di 19.99€. Contengono solitamente meccaniche minori (rispetto agli EP), oggetti e vestiario.
  • Stuff Pack – DLC minori, venduti al prezzo di 9.99€. Contengono di norma soltanto oggetti e vestiario, alle volte meccaniche ancora minore rispetto a quelle dei GP.

A quanto pare, però, per Electronic Arts non era abbastanza, al punto che ha deciso di introdurre pochi giorni fa un nuovo formato di DLC, ovvero i Kit. Venduti al prezzo di 4.99€, si pongono come contenuti a pagamento ancora più piccoli rispetto agli Stuff Pack. In un certo senso non sono per nulla dissimili ai bundle presenti nell’ormai chiuso Store di The Sims 3, il quale aveva una valuta chiamata SimPoints (75 SimPoints erano 75 centesimi circa n.d.r.). Però questi Kit sono tutto tranne che una buona notizia.

Sono anni che la community di The Sims si lamenta a gran voce della penuria di contenuti nei vari DLC rilasciati negli anni. Già l’introduzione dei Game Pack, secondo me, ha abbassato notevolmente i contenuti presenti in certi Expansion Pack, rendendo il titolo veramente costoso (si parla già di oltre 600€ per acquistare tutte le espansioni minori e maggiori rilasciate). Questi Kit sembrano l’ennesimo modo per spremere ulteriormente i portafogli dei fan più fedeli, in quanto si sarebbe potuto fare tranquillamente uno Stuff Pack con questi contenuti, o anche includerli in una delle prossime maggiori espansioni.

Quale momento più opportuno di questo per tirare nuovamente fuori questa comparazione da brividi?

Siamo stati introdotti ai Kit con tre opzioni diverse, ovvero Pulizie di Primavera Kit, Cucina di Campagna Kit e Moda Rétro Kit. Di questi tre il primo è l’unico che include una novità vagamente interessante per gli amanti di un gameplay realistico (però nulla di così incredibile da necessitare un pack tutto suo secondo me). Gli altri due… Non so nemmeno come dirlo. Moda Rétro Kit contiene 19 nuovi indumenti, che potevano tranquillamente essere accorpati in un DLC più grande, e lo stesso vale per Cucina di Campagna Kit.

Un anno fa pensavo che non sarei rimasta più delusa di come ero, e invece Electronic Arts ha finito di uccidere la mia fiducia. Oltre a star continuando a scavare la fossa a un brand così amato.
Se prima avrei potuto serbare qualche dubbio su come sarebbe potuto essere The Sims 5, che pare in pieno sviluppo dai rumor rilasciati, adesso so di non voler comprare più un titolo della serie.

Capisco che una casa di sviluppo abbia come primo obiettivo quello di incassare il più possibile, ma pare che abbiano dimenticato di rispettare i loro acquirenti, che hanno continuato a dare fin troppa fiducia non meritata.