Trifox – Recensione
Recensioni Recensioni Videogiochi Videogiochi

Trifox – Recensione

Era da diverso tempo che tenevo d’occhio Trifox, pubblicato dal team di Big Sugar su PC, Nintendo Switch e Xbox. Fin dai primi trailer si è mostrato come un gioco molto colorato e interessante, appunto per questo abbiamo voluto dare una chance al prodotto recensendo sul nostro portale.

Il team di sviluppo di Glowfish ci ha fornito un codice per potervene parlare, scopriamo insieme se ne è valsa la pena l’attesa!

Quando la volpe non può arrivare al telecomando

Il protagonista si chiama Trifox, proprio come il gioco, è una piccola volpe che rimane vittima del furto del suo telecomando, il tutto mentre si stava godendo del meritato riposo davanti alla sua TV. I nemici che lo hanno derubato non hanno idea del guaio in cui si sono cacciati, dato che la Volpe è molto astuta e ha diversi mezzi per farla pagare cara ai suoi aggressori.

Fin dall’inizio veniamo a conoscenza del fatto che Trifox ha tre diverse realtà, suddivise in classi: Ingegnere, Guerriero e Mago. Tutte le abilità delle diverse classi sono combinabili tra loro per dare vita a una strategia offensiva brutale e definitiva. La struttura è tutta comandata da un hub centrale, nel quale potremo selezionare il livello e gettarci dentro questi grossi portali dimensionali che ci condurranno nel livello scelto.

Difficoltà su misura

La storia è un ottimo contorno, anche se non è il piatto forte della produzione. La narrazione non ha dialoghi veri e propri, il tutto viene lasciato in mano a delle scene d’intermezzo. Sicuramente piacevole da seguire, ma non indimenticabile.

Il gameplay di Trifox è molto ingegnoso, in base alle stil apprese il titolo si adatterà a sua volta per offrirci un esperienza di gioco su misura. I livelli che andremo ad affrontare sono tutti moto colorati e variegati, anche se alcuni hanno una durata veramente molto esigua.

All’interno degli scenari è possibile imbatterci in nemici molto forti o in alcuni boss che presentano delle meccaniche peculiari. Anche la difficoltà delle sfide è totalmente personalizzabile tramite l’apposito menù.

Tecnicismi

Sul lato tecnico non siamo a livelli eccelsi, Trifox cerca di difendersi grazie al suo stile cartoonesco e dai colori molto vividi. Anche gli effetti nei menù ricordano molto i platform anni 90, grazie a quello stile leggermente retrò. 

La grafica non arriva a punti eccelsi, ma si lascia guardare. Non vi aspettate un comparto tecnico divino, anche perché spesso abbiamo riscontrato dei problemi di pop-in durante l’avanzamento degli scenari.

Sulla versione per Xbox Series X non abbiamo avuto problemi di framerate, il gioco gira stabile e senza alcun calo.

Commento Finale

Trifox è un esperienza piacevole, non vi aspettate l’indie del secolo, ma se siete alla ricerca di un titolo colorato e che vi tenga impegnati per qualche ora è sicuramente il prodotto che fa al caso vostro. Ci saremmo aspettati una longevità leggermente più lunga e anche una varietà maggiore.

Trifox
  • 7/10
    Voto - 7/10
7/10

Riassumendo

Trifox è un esperienza piacevole da vivere, nonostante non sia un prodotto eccelso. I suoi colori vividi vi cattureranno per una manciata di ore. Ci saremmo aspettati qualche sforzo in più per la longevità.