One D&D e il Futuro di Dungeons & Dragons
One D&D
Dungeons & Dragons 5e Editoriali Tabletop RPG

One D&D e il Futuro di Dungeons & Dragons

L’annuncio di One D&D, prossima evoluzione in Dungeons & Dragons, per me è stato come un fulmine a ciel sereno. Non tanto per le specifiche del primo materiale per playtesting rilasciato, quanto per una motivazione personale. Da quando ho iniziato a giocare nell’ormai lontano 2016, è la prima volta che vivo in prima persona il passaggio da un’edizione a un’altra del celeberrimo Tabletop RPG.

A detta di Wizards of the Coast, non siamo davanti semplicemente a una nuova edizione, ma stiamo assistendo a un’evoluzione del gioco di ruolo più famoso.

Sappiamo già che One D&D sarà retrocompatibile con le avventure rilasciate per la Quinta Edizione. Ciò è una novità interessante e sicuramente positiva, visto che ci sono un sacco di avventure davvero belle e imperdibili. Tra queste avventure cito le tre a cui sono più legata: Tomb of Annihilation, Curse of Strahd e Waterdeep: Dragon Heist.

Ho già visionato il primo PDF di materiale per playtesting rilasciato, e che è accessibile per tutti. Prima di mettermi a scrivere questo articolo ho riflettuto molto su ciò che One D&D potrebbe offrire una volta rilasciato (nel 2024). Questo per non dare un’opinione “di pancia”.

Questione di… Background

Finora i Bonus Caratteristica di un personaggio sono sempre dipese dalla Razza di appartenenza. Un Elfo è più agile di un Nano, un Coboldo ha un Malus sulla Forza e così via. Già in Tasha’s Cauldron of Everything abbiamo visto l’aggiunta di una regola, resa poi l’unica presente in Mordenkainen Presents: Monsters of the Multiverse, di assegnare i Bonus Caratteristica a proprio piacimento.

In One D&D si è deciso di spostare l’assegnazione dei Bonus Caratteristica dalla Razza di appartenenza al background.

Ha senso come cambiamento? Sì, perché trovo che abbia senso che un personaggio sia definito maggiormente da come viene cresciuto piuttosto che da chi sono i suoi genitori. Un Orco educato e cresciuto presso un monastero di certo avrà un livello di istruzione alto e una propensione minore a brandire un’ascia bipenne rispetto a un Orco educato fin da piccolo alla caccia e al combattimento.

Ne avevamo bisogno? Non proprio, viste le opzioni già a disposizione. Però questa nuova visione in One D&D si sposa alla perfezione con la meccanica, e quindi non c’è effettivamente molto da ridire.

Nel PDF di playtesting ci sono dei background già definiti con i loro Bonus Caratteristica e le varie conoscenze acquisite. Vi è già però la possibilità di creare un proprio background da zero, dando completa libertà al giocatore.

Insomma, la parola chiave di One D&D sembra essere Libertà, ed è un qualcosa che apprezzo davvero molto.

Dungeons & Dragons 5e DMG

20 Naturale, Ispirazione e Magie

In questo PDF non si esplora ancora tutte le meccaniche del gioco, ma si vedono già altri cambiamenti.

Uno di quelli che mi ha maggiormente sorpresa è la suddivisione degli Incantesimi in solo tre tipologie: Arcane, Divine e Primal. Con questa nuova suddivisione, rispetto a una per classe, spero che si riescano a evitare alcuni nonsense nella mancanza di determinate Magie per alcune classi, quando queste sarebbero più che sensate. Trovo anche che ciò faciliterà non poco l’esplorazione della lista Incantesimi.

Una piccola regola che ho visto che ha scatenato non poco flame online è quella inerente al 20 Naturale, che ora garantisce non solo successo automatico indipendentemente dai modificatori, ma anche un Punto Ispirazione (che dona vantaggio a un qualsiasi tiro quando usato, e non si può avere più di un Punto Ispirazione per volta).
Onestamente non mi sembra una novità negativa, anzi, mi piace come si dia più enfasi al 20 Naturale, che è da sempre motivo di giubilo al tavolo. Quando mistero per me il 20 Naturale è da sempre successo automatico, quindi cambierebbe poco e nulla.

Sono Pronta alla Nuova Evoluzione di Dungeons & Dragons?

Mi sono posta questa domanda più e più volte, ma è ancora presto per dirlo. Abbiamo avuto solo un piccolo assaggio di ciò che Wizards of the Coast vorrebbe fare con One D&D, e questa nuova evoluzione avverrà soprattutto grazie al feedback dei giocatori.

Oltre ai cambiamenti effettivi portati da One D&D, voglio vedere anche come ne sarà gestito il lancio. Ho molte domande sui cambiamenti a livello regolistico e ruolistico, ma anche a come sarà messo in vendita. E le avventure di One D&D saranno compatibili con la Quinta Edizione, così come le avventure di quest’ultima saranno retrocompatibili con One D&D?

Quel che è certo è che nei prossimi mesi ne vedremo delle belle, il tutto mentre arriveranno nuove ambientazioni e avventure per la Quinta Edizione.

D&D 5e Journey Through the Radiant Citadel