Ms. Marvel – Recensione dell’episodio 4
Featured Recensioni Recensioni Serie TV

Ms. Marvel – Recensione dell’episodio 4

Dopo un terzo terzo episodio di alto livello, Ms. Marvel torna anche questa settimana con il quarto episodio che è riuscito a conquistare nuovamente il nostro cuore. All’interno di questo nuovo episodio ho avuto modo di apprezzare ancora una volta il lato artistico della serie TV, che si mostra nel suo massimo splendore portandoci nelle terre di Karachi.

Lontana da casa

Dopo la visione avvenuta nel terzo episodio, quella di un treno che parte dalla stazione per arrivare a Karachi durante la Partizione, Kamala decide di andare nella terra natia di sua nonna, in modo da riuscire a vederci chiaro sulle sue origini. In questo arco narrativo vediamo come Karachi sia molto diversa rispetto al New Jersey, come le differenze culturali siano palpabili e come la nostra eroina venga vista quasi come una “straniera” nonostante il suo retaggio.

Quello che ci viene narrato dalla nonna di Kamala è che il bracciale ha un potere speciale che è riuscita a salvarla durante la Partizione, che l’ha portata in quell’ultimo treno in partenza verso Karachi per la salvezza. Durante il suo girovagare per la città, la nostra eroina entra in contatto con uno dei Pugnali Rossi, una setta che conosce bene Aisha, la bisnonna della nostra protagonista.

Nuove conoscenze

Durante l’episodio veniamo a conoscenza anche a chi sta alle redini del gruppo, il quale si mostra molto protettivo verso la ragazza e le fornisce una spiegazione più dettagliata sul mondo e sul multiverso, quello che divide gli umani dai Djinn. Quello che veniamo a sapere è che Kamala deve seguire la strisce di frammenti che compongono il bracciale, perché questi nascondono il segreto e la chiave per svelare meglio su “chi è” Kamala.

Ritornando ai Pugnali Rossi, veniamo a conoscenza che il loro principale obiettivo è quello di proteggere il mondo dai Clandestini come Najma, che vuole abbassare il velo di protezione per scatenare una catastrofe sul mondo Umano.

Abbiamo apprezzato come Kamala instaura un rapporto molto più profondo con questo nuovo gruppo, facendola sentire come a “casa” nonostante le differenze culturali tra la cultura pakistana e quella americana. Il team di Marvel ha omaggiato la cultura asiatica meridionale con un’espressione artistica di alto livello, marcando alcune tradizioni e mostrando la bellezza artistica di quest’ultima.

Andamento ottimo

Ho apprezzato il ritmo sempre altalenante, che passa da sezioni dove ci vengono fornite tutte le informazioni più importanti a quelle di pura azione. L’andamento della storia è strutturato molto bene, rende la visione meno pesante di altre serie TV Marvel.

Anche la scelta in regia è ancora una volta impeccabile: ci sono alcune inquadrature durante l’esplorazione a Karachi che esaltano la bellezza della città, mostrandola al meglio allo spettatore. Anche i combattimenti sono stati gestiti a dovere.

Commento Finale

Anche questa volta l’episodio di Ms. Marvel è assolutamente promosso, sono rimasto totalmente soddisfatto dall’andamento della storia. Il ritmo è abbastanza costante e ben delineato, tenendo così l’attenzione e l’interessamento verso la serie sempre elevato. Non vediamo l’ora di vedere cosa riserverà il destino a Kamala nel prossimo episodio, che sembrerebbe ambientato durante la partizione della nonna della ragazza.